PATHFAST™ PRESEPSIN

Il Più precoce MARKER di SEPSI

PATHFAST® Presepsin è un test immunoenzimatico in chemiluminescenza per la misura quantitativa in vitro della concentrazione di Presepsin (sCD14-ST) nel sangue intero o nel plasma. PATHFAST® Presepsin viene utilizzato quale ausilio nella diagnosi e nella prognosi di sepsi, nella definizione del grado di severità della sepsi ed è un valido indicatore della stratificazione del rischio in pazienti settici. Grazie alla rapidità d’analisi, 15 minuti, ed all’elevato valore prognostico già all’ammissione del paziente, l’uso del test PATHFAST® Presepsin è ideale nei Laboratori e nei Dipartimenti di Emergenza ed Intensivi, adulti e neonatali. Le caratteristiche di diagnosi, prognosticità unitamente alla precocità della molecola, ovvero la capacità di rispondere rapidamente alle variate condizioni cliniche del paziente in relazione alla terapia intrapresa, fanno di Presepsin il biomarcatore ideale per monitorare la terapia e dosarla nel modo corretto o di cambiarla in tempi brevi se inefficace.

Presepsin: il processo di formazione. Nel dettaglio Presepsin è un frammento di 13kDa derivato dal clivaggio del CD14, una glicoproteina di 55kDa ancorata alla membrana dei monociti, macrofagi e dei neutrofili polimorfi. Il CD14 svolge la funzione di recettore per i complessi lipopolissacaridi (LPS) e della specifica proteina legante dei LPS (LBP); può legarsi ai peptoglicani ed altre strutture di superficie presenti sia nei batteri Gram-Positivi e sia nei batteri Gram-Negativi. Una volta legato il complesso LPS-LBP, attiva la risposta infiammatoria intracellulare del recettore di tipo Toll-Like 4(TLR4), dando inizio alla cascata infiammatoria dell’ospite contro l’agente patogeno infettivo. La fagocitosi e l’attività della plasma proteasi (enzimi lisosomiali, catepsina D..) danno luogo alla formazione del frammento sottotipo di sCD14, in particolare al frammento di 13 kDa sCD14-ST, noto Presepsin.

Pathfast® PRESEPSIn: Uno specifico marcatore per una diagnosi precoce

Perchè PATHFAST® Presepsin?

La Precocità: la fondamentale caratteristica clinica di Presepsin è la sua rapidità di alterazione in risposta unicamente ad eventi infettivi derivanti da patogeni batterici di tipo gram negativo e gram positivo e fungini.

Il marcatore più PRECOCE di Sepsi

La molecola di Presepsin è infatti caratterizzata da una cinetica molto rapida: il tempo di attivazione dall'insorgenza di un evento batterico o fungino è di sole 2 ore, con un picco di concentrazione a 3 ore. Questa caratteristica fa della molecola Presepsin il biomarcatore di sepsi più rapido rispetto ai suoi comparatori, Procalcitonina (PCT) e Proteina C Reattiva (PCR), che hanno rispettivamente tempi di attivazione dell'ordine di 6-12 ore e di 12 - 24 ore. Inoltre, l'emivita della molecola nel plasma (il tempo in cui la concentrazione si dimezza una volta rimossa la causa che la produce, in questo caso, l'infezione batterica) è di 4-5 ore, rispetto alle 12-24 ore di PCT, consentendo una più efficace e precoce gestione della terapia farmacologica.

Rif: Meisner, J Lab Med, 1999 23(5):263 – 272 Nakamura M, et al, Crit Care 2008 12(Suppl 2):P194

Scopri di più

Rif: J Infect Chemother. 2011, 17(6); 764-769

Scopri di più

Pathfast® PRESEPSIn: Un sensibile marcatore per un’appropriata terapia

Accuratezza diagnostica: sensibilità e specificità

La migliore rappresentazione dell’accuratezza di un test biochimico sono la specificità e sensibilità ed l’analisi della curva ROC (Receiver Operating Characteristic). Maggiore è l’area sottesa dalla curva (AUC) migliore è il test (il valore massimo è l’unità). In numerosi studi clinici è stata valutata l'accuratezza diagnostica di Presepsin andando ad analizzare la curva ROC. Dagli studi effettuati, il valore AUC di Presepsin risulta comparabile se non migliore confrontato con gli altri biomarcatori più comuni: PCT e PCR, IL-6 e le endotossine.

Appropriatezza della terapia antibiotica

La migliore rappresentazione dell’accuratezza di un test biochimico sono la specificità e sensibilità ed l’analisi della curva ROC (Receiver Operating Characteristic). Maggiore è l’area sottesa dalla curva (AUC) migliore è il test (il valore massimo è l’unità). In numerosi studi clinici è stata valutata l'accuratezza diagnostica di Presepsin andando ad analizzare la curva ROC. Dagli studi effettuati, il valore AUC di Presepsin risulta comparabile se non migliore confrontato con gli altri biomarcatori più comuni: PCT e PCR, IL-6 e le endotossine.

Rif: Masson et all, Critical Care 2014
Scopri di più

Appropriatezza della terapia antibiotica

Importante fattore diagnostico è l'alto Valore Predittivo Negativo (NPV) di Presepsin. Infatti per individui sani, non affetti da un evidente focolaio batterico, i valori di Presepsin sono estremamente bassi, inferiori ai 200 pg/mL, valore a cui il NPV del test Presepsin raggiunge un valore del 98%, garantendo così una reale sicurezza sull'esclusione di infezione batterica in corso, anche a livello locale.

PSEP pg/ml Diagnosi
< 200 Esclusione di Sepsi (NPV = 98%)
< 300 Infezione sistemica non probabile
< 600 Infezione sistemica (sepsi) possibile
< 1000 Significativo rischio di progressione di infezione sistemica (sepsi), aumento del rischio di outcome sfavorevole
≥ 1000 Alto rischio di progressione di infezione sistemica (sepsi , shock settico). Alto rischio di mortalità a 30 giorni comparabile con lo score SOFA ≥ 8
Gli studi clinici effettuati hanno permesso di definire la stratificazione del rischio sulla base della severità dell’infezione al fine di discriminare SIRS, sepsi, shock settico, come riportato in tabella.

Valutazione della Severità

Presepsin ha un’elevata correlazione con il grado di severità dell'infezione per risultati quantitativi proporzionalmente crescenti. Infatti dagli studi effettuati emerge una correlazione massima con il valore dello score SOFA (punteggio clinico più comune per la valutazione delle insufficienze d'organo). Valori più elevati al primo giorno di monitoraggio sono strettamente associati ad una più alta incidenza di una nuova insufficienza d'organo e ad una instabilità emodinamica nelle prime 24 ore.

Pathfast® PRESEPSIn: L’efficacia diagnostica con la comodità di un POCT e l’affidabilità di un test da laboratorio.

Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser